giovedì 23 ottobre 2014

The Girl in Blue

Questa è la storia di una ragazza. Una ragazza vestita di blu che giunse a Willoughby, Ohio, nel 1933, due giorni prima di Natale.
Aveva lunghi capelli castani e occhi color nocciola, era gentile e riservata.
La sera che arrivò al villaggio, si fermò a dormire in una pensione e la mattina seguente, con la sua valigia in mano, si recò alla stazione. Camminava per la strada, e a chiunque incontrasse rivolgeva un sincero e caloroso saluto. Il treno le passò accanto improvviso.
La fanciulla lasciò cadere la sua valigia e corse verso il treno.
Una forte raffica di vento, smossa dalla velocità del convoglio, la travolse e fece volare il suo corpo, leggero come una piuma, sulla ghiaia della strada.
I passanti corsero da lei ma la fanciulla in blu era già morta.
Non c’era traccia di alcuna ferita. Non una goccia di sangue. Il suo volto era sereno.


This is the story of a girl. A girl dressed in blue who arrived to Willoughby, Ohio, in 1933, two days before Christmas.
She had long brown hair and hazel eyes, and was gentle and reserved.
The evening she came to the village, she stopped to sleep in a boardinghouse and the next morning, with her suitcase in hand, she went to the station. She walked down the street, and gave everyone she met a warm and sincere greeting.
The train passed her suddenly.
The girl dropped her suitcase and ran to the train.
A strong gust of wind, emitted by the speed of the train, swept over her and flung her body, light as a feather, on the gravel road.
Passers ran to her but the girl in blue was already dead.
There was no trace of any wound.
Not a drop of blood. Her face was serene.


Nessuno sapeva chi fosse.
Nessuno conosceva il suo nome. E così fu sessant’anni.
Gli abitanti del paese si presero cura di lei, la seppellirono nel cimitero e incisero per lei una lapide che ancora oggi reca queste parole:

"In Memory
of the
Girl in Blue
Killed by Train
December 24, 1933
“Unknown but not Forgotten”."

No one knew who she was.
No one knew her name. And so it was for sixty years.
The villagers took care of her, buried her body in the cemetery and engraved for her a tombstone that still says these words:

"In Memory
of the
Girl in Blue
Killed by Train
December 24, 1933
“Unknown but not Forgotten”."


La ragazza vestita di blu, misteriosa e sconosciuta, giace lì sepolta da allora. Riposa nel silenzio.
Si dice che ci sia chi abbia udito una voce femminile provenire dalla sua tomba e che talvolta sia stata vista una fanciulla vestita di blu in piedi di fronte ad essa, con gli occhi rivolti alle nude pietre e lo sguardo triste.
Quel che è certo è che dopo la sua morte comparirono sempre fiori freschi sulla sua lapide.
E così è ancora oggi.

Since then the girl in blue, mysterious and unknown, lies buried there. She rests in silence.
It is said that there is someone who have heard a female voice coming from her tomb and that sometimes it was seen a girl dressed in blue standing in front of it, with her sad eyes fixed to bare stone.
What is certain is that after her death fresh flowers always appeared on her tombstone.
And so it is today.


Nel 1993, a seguito di un articolo scritto sul News Herald per ricordare la sua morte avvenuta sessant’anni prima, venne finalmente scoperta l’identità della ragazza, la cui famiglia era giunta in Pennsylvania nel 1901.
Il suo nome era Josephine Klimczak, ma i suoi fratelli e sorelle la chiamavano Sophie.
La sua memoria è tutt’ora onorata con profondo affetto.

In 1993 an article was written on the News Herald to commemorate her death and finally was discover the identity of the girl, whose family had arrived in Pennsylvania in 1901.
Her name was Josephine Klimczak, but her brothers and sisters called her Sophie.
Her memory is still honored with deep affection.


In suo onore ho voluto disegnare questo schema, per ricordarla con amore e affetto in questo periodo dell’anno dedicato ai morti.

Per leggere una versione più approfondita della storia della Ragazza in Blu, potete consultare questo link: The Girl in Blue

Se vi piace e volete ricamarlo lo trovate qui: The Little Stitcher Shop
oppure scrivendomi una email: order.thelittlestitcher@gmail.com

In her honor, I wanted to draw this pattern, to remember her with love and affection in this time of year dedicated to the dead.

To read a more detailed version of the story of the Girl in Blue, you can refer to this link: The Girl in Blue

If you like it and want to stitch it, you can find it here: The Little Stitcher Shop
or you can write me an email: order.thelittlestitcher@gmail.com

9 commenti:

diamondc ha detto...

Such a sad story, what a beautiful tribute to her.
Thank-you for sharing with us.

Catherine

marly ha detto...

I live not far from there and never heard of this. For 60 years her family did not know what became of her? How very sad. Her spirit is honored at your remembrance.

Sarlilla Sara ha detto...

E' triste questa storia...
Brava Viola...lo schema è davvero bello...

Julies Knit Stitch Corner ha detto...

A moving story and a lovely way to remember her memory.
Julie.C

Claudia Arcioni ha detto...

Cara Laura, una storia davvero emozionante ed affascinante, mi sono letta tutto, anche l'articolo dell'approfondimento! Ovviamente ricamerò la tua fantastica girl-in-blue quanto prima! Grazie per queste chicche meravigliose e intense che ci doni!
Claudia

Artemisia ha detto...

Mi hai lasciato senza parole... Storia meravigliosa. Ti abbraccio tanto tantissimo
Zia

Ariadne Skyrianidou ha detto...

Such a touching story! Never heard of it before!AriadnefromGreece.

cucki ha detto...

its a very sad story but a very sweet tribute to the lovely girl in blue.
again my dear sis well done to you.
your work is always amazing..
love cucki *.*

Lili ha detto...

A mix of joy and sadness in this story. Very beautiful homage to this girl!
Hugs,
Lili