venerdì 28 ottobre 2011

The Old Wise Witch

...in un bosco popolato da miriadi di uccellini e animali selvatici, vive una misteriosa Vecchina. La sua casetta si nasconde nella radura delle querce e dei noccioli, e per arrivarvi bisogna seguire il sentiero dei castagni, camminando accanto a strani rametti secchi che spesso si impigliano nelle vesti e rendono difficile proseguire...

 
Il sentierino che porta alla sua casetta è costellato di erbe medicinali, e si dice che la Vecchina, nelle notti di luna crescente, sotto un silenzioso e limpido cielo stellato, si aggiri per le vie del bosco con un lumino ad olio e una bella cesta capiente, per raccoglierle.
Qualche fortunata fanciulla a volte incontra la Vecchina per la via, e lei si mostra sempre molto gentile e premurosa nel donare consigli su come usare le erbe, su come dosarle e prepararle... col suo ditino raggrinzito indica le erbe buone da quelle velenose, e si raccomanda sempre di usarle con sobrietà, poiché la loro magia è potente.


Quando le fanciulle si mostrano particolarmente attratte da ciò che la Vecchina racconta loro, un sorriso sdentato le illumina il volto, gli occhi le brillano e pare che tutta la gioia del mondo sia racchiusa nel suo cuore...
Allora racconta di come un tempo la camomilla fosse considerata la figlia dei raggi del sole, spiegando che a volte il suo infuso, invece di calmare la tensione, dona un'energia nuova e profonda...
...narra che l'acetosa dalle foglioline rosse si credeva potesse aumentare la fertilità delle donne che desideravano concepire...
...e che piccole scopine di rametti secchi possono imbrigliare le negatività che a volte aleggiano nella propria casa e scacciarle, scopandole via come si fa con la polvere, fuori dalla porta...


A volte la Vecchina scorge un brillìo particolare negli occhi di coloro che la ascoltano... e allora quelle rare volte invita le fortunate fanciulle nella propria casetta nascosta nella radura delle querce e dei noccioli, e abitata da un grosso gatto nero...
E allora, col ditino ricurvo, racconta di saggezze più profonde e antiche che occorre ascoltare con l'anima per poterle comprendere... i suoi occhietti vispi trasmettono il suo amore per la Natura e per le sue Antiche Armonie, le sue parole si fanno cariche di significati misteriosi...
E coloro che la ascoltano, ricevono una ricchezza che non si misura certo come il denaro, ma che è più preziosa di qualsiasi altra cosa.


La Vecchina è ovviamente una Saggia Strega... protetta dalla Luna e dalle stelle... mentre la data sulla sinistra è una data storica, ed è quella in cui si è svolto il famoso processo di Triora, in Liguria.
Se volete che questa Streghina vi faccia compagnia, e magari vi racconti qualche segreto, potete ricamarla con cuor leggero, nel silenzio delle giornate autunnali e invernali, con una candelina accesa... chissà cosa vi dirà...?

Ogni ricamo e ogni schema di The Little Stitcher racconta una storia...
Alcuni schemi saranno accompagnati da un foglio a parte nel quale verrà narrato il racconto, oppure il significato simbolico, di ciò che il ricamo rappresenta.
Questa è la particolarità originale degli schemi The Little Stitcher, che uniscono l'abilità del ricamare all'amore per la conoscenza... ognuno ha la sua storia, e ogni cosa rappresentata, come da regola nello stile primitive più puro, ha una simbologia ben particolare.

Ciò che avete letto è la storia di Old Witch... ma Old Witch, a sua volta, ha molte storie da raccontare...
Se vorrete, a breve potrete ascoltare la prima... :)
Un abbraccio a tutte voi... :)
Violetta

lunedì 24 ottobre 2011

Primitive Pumpkins and Christmas Blog Candy

Carissime compagne di ricami e di ore liete, come avevo promesso ecco il nuovissimo schemino free. E' veramente piccino e si fa molto velocemente, anche se tradizione primitive vorrebbe che fosse tutto cucito a mano e questo richiede un pochino più di tempo. Lo schemino è dedicato alle zucche della dolce stagione autunnale, introspettiva, tiepida, speziata...
Potete ricamarlo mentre cuoce sul fornello, o nel gran pentolone appeso al cancio di ferro nel camino, una buona zuppa di zucca, oppure potete ricamarlo mentre i vostri bimbi intagliano le loro zucchette Jack o'Lantern, o mentre sgranocchiate biscottini alla cannella mentre aspettate la mezzanotte di Halloween... insomma, lo potete ricamare in qualsiasi momento, dà subito soddisfazione! E' stato pensato per essere un piccolo scissor fob, o anche un porta chiavi autunnale, ma potete farci ciò che preferite!
Vi lascio qui il link per scaricare il pdf - tra parentesi, spero vi piaccia la copertina, io l'adoro / You can download my pumpkins chart here ;) Thank you! : PRIMITIVE PUMPKINS


Se doveste avere qualsiasi problema nel download del PDF potete scaricare l'immagine qui sotto, e la legenda cliccando qui / If you have any problem in PDF file downloading, please download the image below and the information sheet here: PUMPKINS Sheet


Ma sempre come promesso, ecco finalmente il mio primo Blog Candy! Per partecipare dovete solamente diventare followers di questo blog, lasciare un commento a questo messaggio e appuntare l'immagine che segue nel vostro blog - se ne avete uno - linkandola a questo post.


Come accennavo nel mio blog personale La Piccola Ricamatrice il regalino che manderò alla fortunata vincitrice sorteggiata verrà da me acquistato alla grande e famosa fiera internazionale dell'artigianato che si svolge a Milano ogni dicembre, L'Artigiano in Fiera, e visto il periodo sarà qualcosa di natalizio o comunque rigorosamente invernale, a meno che i miei occhietti non si poseranno su qualcosa di talmente bello da farmi abbandonare la regola autoimposta del tema natalizio/invernale stesso  (ma dubito, il tema invernale è di per sè la cosa più bella!)
Il Candy scadrà il 12 dicembre 2011.
Dunque eccoci, vi aspetto in tante, mi raccomando ;)
Un abbraccio a tutte e a presto!
Violetta

giovedì 20 ottobre 2011

The Little Stitcher

C'era una volta, in un tempo passato, seppur forse ancora presente, una piccola ricamatrice dagli occhi ridenti, che trascorreva molte delle sue ore a disegnare, ricamare e cucire ciò che la natura e l'ispirazione raccolta laddove ne trovava, le suggerivano. Piccoli animali prendevano vita dalle sue mani, le erbe ricamate al chiar di luna profumavano quanto quelle raccolte nelle radure dei boschi, e candidi fiocchi di neve si scioglievano sulla tela come fossero caduti dal cielo d'inverno. Accanto al caminetto la fanciulla ricamava in silenzio, a volte canticchiando melodie segrete che solo lei conosceva, immersa nei colori antichi e polverosi che più le piacevano... e nel cuore della notte dava vita alle sue piccole creature, nelle quali imprimeva la dolcezza e la gioia che vedeva nascere e crescere intorno a lei, nella Natura che lei considerava sua madre.